ARGENTO E ORO

1° premio come miglior cortometraggio di fiction italiano al festival internazionale Malescorto (Malesco- VB) 2004
5° classificato a "Venezia, circuito off"
Selezionato da Maremetraggio (Trieste), festival dei migliori cortometraggi europei
Filmato inaugurale della manifestazione "Le gallerie del reale 2005, la carta della terra", Torino
Presentato a Briga (CH) in occasione del centenario della galleria del Sempione, all' interno della mostra
organizzata dalla associazione culturale Kunstwerein Oberwallis
Alcune pubblicazioni:


24-25-26 settembre 2004
FAVOLANDO
Udine
31-3/3-4 2004
SCENARIORIZZONTALI
Novara
1-9 Luglio 2005
MAREMETRAGGIO
Trieste

Sinossi

In una squallida stanza c'è un orologio dorato. Lo ornano piccole statue che raffigurano un satiro, un angelo e due coppie di amanti. Tra gli ingranaggi vive e lavora il macchinista. Egli, solitario, opera alacremente, finchè non sopraggiunge da una feritoia luminosa una donna d'argento.
Tra i due nasce l'amore, ballano, si fondono, e cambia la materia dell'intero orologio, divenendo anch'essa una unione di argento e oro. L'angelo esulta in gloria ed il tempo si ferma.
Dichiarazione dell' autore
Considero "Argento e oro" una poesia visiva.
Si svolge in un crescendo emotivo che va dall' apatia alla gloria, come un modello matematico ad iperbole.
Racconta che chi fa il suo dovere viene premiato.
Racconta che l'amore e la comunicazione possono cambiare la realtà.
Realizzato in 15 giorni di intensa post-produzione, il sonoro è stato creato dal musicista di fama internazionale Vic Vergeat.
il film è
1-una metafora della comunicazione
2-il racconto di uno che fa il suo dovere e per questo viene premiato
3-una aurora
4-quello che senti che è



FOTO DEL VIDEO